Marcello Fois

"Nel tempo di mezzo"
Einaudi

APERITIVO con AUTORE

Marcello Fois - Nel tempo di mezzo - Einaudi
presenta
sabato 13 ottobre - 18h30
al Caffè Poliziano di Montepulciano
il romanzo
"Nel tempo di mezzo"
di MARCELLO FOIS
Einaudi

Finalista Premio Strega 2012
Finalista Premio Super Campiello 2012
Vincitore Premio Castiglioncello 2012

introduce
OLIVIA LA PEGNA

reading
DANIELE MONACHELLA

Musiche
SALVATORE CASALUCE (chitarra)

 

Ingresso gratuito
Al termine della presentazione verrà offerto
un aperitivo con i vini
di AZIENDA CARPINETO di Montepulciano

Seguirà CENA con AUTORE al Caffè Poliziano
(su prenotazione)
 
Direzione Artistica
Olivia La Pegna

 


MARCELLO FOIS

Nato a Nuoro nel 1960, vincitore del Premio Italo Calvino 1992, vive e lavora a Bologna. Ha pubblicato molti libri, tra cui: Falso gotico nuorese (Condaghes, 1993), Picta (Premio Calvino, 1992), Gente del libro (Marcos y Marcos, 1995-96), Il silenzio abitato delle case (Mobydick, 1996), Nulla (Il Maestrale, 1997), Sheol (Hobby &Work, 1997 e L'Arcipelago Einaudi, 2004 ), Sempre caro (Frassinelli e Il Maestrale, 1998 e Einaudi, 2009), Gap e Sangue dal cielo (Frassinelli, 1999 e Einaudi, 2010), Ferro Recente e Meglio morti (usciti negli Einaudi Tascabili nel 1999 e nel 2000, già precedentemente pubblicati da Granata Press), Dura madre (Einaudi, I coralli, 2001 ed Einaudi Tascabili, 2003 ), Piccole storie nere (L'Arcipelago Einaudi, 2002 e ET Scrittori, 2010), Memoria del vuoto (premio Super Grinzane Cavour 2007, premio Volponi 2007 e premio Alassio 2007), Stirpe (Einaudi, 2009 e 2011). Ha scritto due racconti per le antologie Crimini (Einaudi Stile libero, 2005), Crimini italiani (Einaudi Stile libero, 2008) e L'altro mondo (ET, 2011). Nel 2006 ha pubblicato la raccolta di poesie L'ultima volta che sono rinato. Per Einaudi ha recentemente pubblicato Nel tempo di mezzo (Supercoralli, 2012) entrato nella cinquina dei finalisti del Premio Strega 2012 e nella cinquina dei finalisti del Premio Campiello 2012, e vincitore del Premio Castiglioncello 2012.

NEL TEMPO DI MEZZO
Vincenzo Chironi - sardo friulano, per molti anni figlio di nessuno - è un uomo che non dovrebbe neppure esistere, quando torna in una terra che pare esistere da sempre. Lì ricomincia a vivere, diventa se stesso, s'innamora dell'unica donna a lui proibita. Finché il tempo e gli eventi non incrineranno le vite di tutti, senza crudeltà, con precisione.
E mentre la Storia rotola dal tempo di mezzo a un tempo nuovo, mentre gli amori coniugali nascono e poi muoiono piano, senza far rumore, altre storie sono destinate a non finire, a buttare germogli chissà dove. A gettarsi, spiazzandoci, nel futuro.

Vincenzo Chironi mette piede per la prima volta sull' Isola di Sardegna - «una zattera in mezzo al Mediterraneo» - nel 1943, l'anno della fame e della malaria. Con sé ha solo un vecchio documento che certifica la sua data di nascita e il suo nome, ma per scoprire chi è lui veramente dovrà intraprendere un viaggio ancora più faticoso di quello affrontato col piroscafo che l'ha condotto fin lì. A Nuoro trova ad attenderlo il nonno, Michele Angelo - maestro del ferro, che gli farà da padre e da complice in parti uguali -, e soprattutto sua zia Marianna, che vede nell'inaspettato arrivo del nipote l'opportunità per riscattare un'esistenza puntellata dalla malasorte.
Anni dopo, quando ormai a Nuoro la presenza di Vincenzo Chironi sembra scontata, naturale come il mare e le rocce, la forza del sangue torna a far sentire il suo richiamo. Perché quando Vincenzo conosce Cecilia, che ha «gli occhi di un colore che non si può spiegare», innamorarsi di lei gli sembra l'unica cosa possibile. Anche se è promessa sposa di Nicola, con cui lui è mezzo parente... Se è vero che «la disobbedienza chiama il castigo», forse è anche vero che quell'amore è l'ultimo anello di una catena destinata a non aver fine.
Dopo l'epopea di Stirpe, Marcello Fois - con una lingua capace di abbracciare l'alto e il basso, e di potenziare lo scorrere del tempo - dipinge un mondo in cui i paesaggi sono vivi come i personaggi che li abitano. Una Sardegna nitida e soprattutto mai oleografica. E lo stupore continuo della natura - che osserva impassibile gli amori degli uomini e le loro sconfitte, i dolori dietro ai quali si affannano così come le gioie fugaci - diventa lo sguardo che permette a quelle storie di appartenere a ciascuno di noi.
«Nemmeno quelli che sembrano cambiamenti improvvisi, improvvisi lo sono veramente. D'improvviso c'è solo il momento in cui ne prendiamo coscienza».

Vincenzo si mise in piedi che non era ancora giorno, la sua roba era pronta dalla sera prima. Si vestí e rifece il letto tentando di non fare rumore. In cucina scaldò un poco d’acqua. Si fece la barba con cura, guardando la sua faccia dentro allo specchio in cima al treppiedi. Ora che poteva vedersi gli sembrò di essere assolutamente estraneo a se stesso. Piú magro di quanto avesse intuito toccandosi quando doveva fare quell’operazione alla cieca. Il viso che lo guardava dallo specchio era avvolto nella penombra, cupo, pensieroso, saggio di una saggezza impensabile.
Aveva sognato di nuovo, ma non era importante ricordare cosa.
Il rasoio sulla pelle fece un suono di telina strappata. Sotto al bluastro della ricrescita c’era un’epidermide bianchissima, con una qualità fanciullesca che strideva con lo sguardo teso. Ora quei due visi, fuori e dentro dallo specchio, parevano quelli di un padre e un figlio che si guardassero. Se l’avesse conosciuto avrebbe potuto constatare fino a che punto il cipiglio serioso di Luigi Ippolito Chironi eroe del Carso e, per atto notarile, suo padre naturale, gli si fosse attaccato addosso. E avrebbe potuto constatare che quella paternità si era risolta con un calco perfetto d’espressione e forma: fronte, bocca e naso esatti; di segno e disegno: sopracciglia e attaccatura del ciuffo esatti; di colore e tono: pallore compatto d’avorio, capelli neri fino al blu. Ma per il colore degli occhi no, quel verde luminoso, come anche le orecchie leggermente staccate e i polsi sottilissimi, erano di Erminia Sut da Cordenons, contadina, e sua madre naturale
.”
Marcello Fois, Nel tempo di mezzo

Abbandonato il genere noir dei primi romanzi, Fois con una lingua poetica, arcaica e insieme modernissima, si addentra nelle pieghe di un'epopea familiare dove i sentimenti e le passioni acquistano un sapore sempre più universale.
Benedetta Marietti – D, la Repubblica delle Donne

Si apprezza al suo meglio, nel denso romanzo di Fois, la capacità di insinuare più larghi significati nella dimessa realtà della Sardegna: la contrattura delle parole e dei sentimenti, l’esatta collocazione degli oggetti quotidiani, la mossa onnipresenza della natura. Il gusto vivo di una terrestrità che disegna un paesaggio interiore.
Lorenzo Mondo – ttL, la Stampa

Giochi prospettici, tecniche sicure attraverso una lingua non fine a se stessa, ma impastata di giudizi e immagini, naturali e storiche, individuali e oggettive. Una lingua frutto di ricerca dove incastonare modi di dire sardi ma senza cedimenti manieristi […]. Al mistilinguismo Fois preferisce un personaggio calato progressivamente nei riti e tabù della cultura; la scelta di chi, conoscendo perfettamente gli orizzonti antropologici delle sue origini, li filtra al calor bianco della sua esperienza restituendo valenza universale a contenuti isolani attraverso una nuova isola-mondo.
Angela Guiso - L’Unione sarda


DANIELE MONACHELLA

Daniele Monachella

Attore, inizia la sua formazione nel 1998 frequentando un laboratorio universitario sull’opera “Girotondo” d’A.Schintzler. Tra i suoi primi maestri Coco Leonardi, Ted Keijser; Emmanuel Gallot Lavalleè. Recita in diverse opere di W.Shakespeare e partecipa al Fringe Festival di Edimburgo e al Shakespeare Festival Globe di Neuss in Germania diretto da M.Bogdanov, sotto la direzione di Michéle Kramers al Fools Festival di Belfast.
Approfondisce e prosegue i suoi studi con maestri quali Josè Sanchis Sinisterra (Teatro Metastasio), Francesco Manetti (A.N.A.D. Silvio D’Amico), Ana Alvarado, Kevin Crawford (Roy Hart International Artistique Centre), G.De Monticelli (Teatro stabile della Sardegna), S.Tcherkasskij (Accademia di Arte drammatica San Pietroburgo), Gioele Dix, Vera Bertinetti, Michele Monetta (I.C.R.A. Project Napoli), Marise Flach (Teatro Piccolo), Lina Salvatore, Edo Bellingeri, Peter Clough, Toni Servillo.
Frequenta il Centro Sperimentale di Cinematografia e studia doppiaggio presso il CTA di Milano diretto da N.Ramorino e P.Pirovano. Tra le sue ultime interpretazioni teatrali il professore ne “La lezione” di E.Ionesco e “Il contrabbasso” di P.Suskind prodotti dalla MabTeatro compagnia di cui è fondatore. Viene diretto da A.D’Alatri nello spot pubblicitario “Telecom impresa semplice” e partecipa alle serie televisive “Il peccato e la vergogna”, “Così fan tutte 2”,“Mia madre” diretto da R.Tognazzi, "Squadra antimafia 3", "Sangue caldo" diretto da L. Parisi, “Camera cafè 6”, “I Cesaroni 5”, “Don Matteo 8” diretto da S.Basile.
Per il cinema è protagonista de "I 13" per la regia di R.Mazzone, e viene diretto da M.Imboden ne “Il pendio” per il mercato tedesco. Come voce recitante, riceve la menzione speciale dalla RadioSvizzeraItaliana per il docu-radio “L’invenzione della moka” scritto da Matteo Severgnini e presta la sua voce ai romanzi “Picta” di Marcello Fois e “Lavoro ai fianchi” di Luigi Manconi e partecipa su RadioRai3 a “Crediti d’Attore” diretto da Sergio Ferrentino.

SALVATORE CASALUCE

Salvatore Casaluce

Il 5 Ottobre 2010, Salvatore Casaluce, riceve a Varsavia dal M° ENNIO MORRICONE una lettera di riconoscenza e apprezzamento del talento artistico e musicale definendo la sua musica “prodotto musicale che dimostra il talento del suo esecutore” …”la sua esecuzione dimostra l’aderenza alle tecniche chitarristiche contemporanee (nessuna esclusa). L’ascoltatore avrà modo di apprezzarlo come io l’ho apprezzato.”
Classe 1980, dal 2005 collabora come chitarrista e assistente del reparto organizzativo dell’ Orchestra Roma Sinfonietta diretta da ENNIO MORRICONE e NICOLA PIOVANI (oltre ad essi l’orchestra ha collaborato con Luis Bacalov, Quincy Jones, Roger Waters leader dei Pink Floyd, Michael Nyman, Claudio Baglioni, Carmen Consoli, Anthony and the Johnson e tanti altri).
Inizia lo studio della chitarra moderna a 13 anni con il padre musicista. Compie i primi studi sui trattati della Berklee College of Music di Boston, segue vari seminari e si perfeziona in composizione e arrangiamento.
A 19 anni suona con il gruppo di musica popolare salentina OFFICINA ZOE’ (autori della colonna sonora dei film “SANGUE VIVO” e “IL MIRACOLO” di Edoardo Winspeare). Con essi, nel marzo del 2001 si esibisce a Los Angeles nella location di Sunset boulevard ad HOLLYWOOD per l’istituto di cultura ITALIA CINEMA. Tournèe dal 2000 al 2001.
Nel settembre del 2003, costituisce la compagnia musico-teatrale COMPAGNIA DEL SOSPETTO che con lo spettacolo “Seguimi e fai silenzio” è stata impegnata in una tournèe in vari teatri italiani (Piccolo Re Di Roma, Auditorium Tor Vergata, Roma; Teatro Savoia Campobasso; Corte Comunale Formia; Teatro Comunale San Vito Chetino; ecc.). Tra il 2004 e il 2005 ha 8 passaggi radiofonici su RADIO RAI UNO di 4 sue composizioni.
Nel Settembre 2004 forma il gruppo jazz-rock SEA SIDE con i quali è ospite nello stesso anno della manifestazione “ LA NOTTE BIANCA “ di Roma negli studi di CINECITTA’, nel dicembre 2006 del concerto di Natale con AMBROGIO SPARAGNA tenutosi nell’ Auditorium “Tor Vergata” a Roma e nel 2008 del Teatro “B. Brecht” di Formia.
Nel 2005 entra nello staff dell’ Orchestra Roma Sinfonietta. Sempre con l’Orchestra partecipa alle tournèe in Italia e all’estero di ENNIO MORRICONE e NICOLA PIOVANI.
Nel 2009 suona nell’ Auditorium Parco della Musica (Sala Santa Cecilia) di Roma con l’ORCHESTRA ROMA SINFONIETTA, diretta da NICOLA PIOVANI (premio Oscar per la “Vita è Bella” di Roberto Benigni).
Nell’ ottobre 2009 suona con l’Orchestra Roma Sinfonietta diretta da NICOLA PIOVANI alla Prima rassegna internazionale della Musica per il Cinema al Teatro Politeama di Catanzaro, dove si sono esibiti anche ENNIO MORRICONE, RYUICHI SAKAMOTO e RIZ ORTOLANI.
Ultimamente ha suonato con FRANCO PIERSANTI (Il commissario Montalbano, Lamerica, ecc.), nella rassegna “Quando la musica è Cinema” organizzata al TEATRO OLIMPICO di Roma dall’Accademia Filarmonica Romana, suonando in prima esecuzione assoluta “Nerone” per voce recitante e orchestra, scritta e messa in scena dal noto scrittore STEFANO BENNI e musicata da Franco Piersanti. Nella stessa rassegna suona con NICOLA PIOVANI.
Nel 2011 fonda il SALENTO CINEMA ENSEMBLE, una formazione di artisti-musicisti salentini che esplora l’interessante mondo della musica per il cinema affiancando la creazione di composizioni inedite. Con essi si esibisce in molti concerti nello spettacolo intitolato “Immagini Musicali”, che spesso ospita il noto trombettista NELLO SALZA consacrato come “la tromba del cinema italiano” per le oltre 400 colonne sonore incise come prima tromba solista per i grandi compositori Morricone, Piovani, Trovajoli, Bacalov, Piccioni, Piersanti, Ortolani e tanti altri.
Sempre con Salento Cinema Ensemble ha inciso il disco “GRIGIO VERDE” edito da RAI TRADE edizioni musicali e VIDEORADIO, prodotto da BEPPE ALEO.
Ha una laurea in Estetica e Psicologia della Musica. Tesi di laurea sul chitarrista, compositore Pat Metheny, dal quale ha ottenuto un intervista. Ha scritto per la rivista di chitarre “Axe Magazine”.
Attualmente svolge una intensa attività didattica e concertistica.
www.salvatorecasaluce.com

vedi l'evento in galleria fotografica

 

Sponsor:

APERITIVO CON AUTORE
(stagione 2012/2013)

con il patrocinio di

COMUNE DI MONTEPULCIANO
www.comune.montepulciano.siena.it
BIBLIOTECA ARCHIVIO PIERO CALAMANDREI
www.biblioteca.montepulciano.si.it

con il contributo di

CONSORZIO DEL VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO
www.consorziovinonobile.it

STRADA DEL VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO
www.stradavinonobile.it

LIBRERIA CENTOFIORI DI MONTEPULCIANO

BORGO s.r.l. - PRODUZIONE PELLETTERIA

TIPOGRAFIA MADONNA DELLA QUERCE
www.tipoquerce.it

IMMOBILIARE CIMAROSA s.r.l.
www.immobiliarecimarosa.com

CICLOPOSSE BYKE TOUR
www.cicloposse.com

TORO ASSICURAZIONI

ARCADIA SERVICE
www.arcadiaservice.it

AZIENDA CUGUSI
www.caseificiocugusi.it

CROCE DI FEBO
www.crocedifebo.com

TRUST s.r.l.
www.trustshop.it

Ospitalità

PODERE CROCE DI FEBO
www.thebestoftuscany.net

HOTEL GRAN DUCATO
www.hotelgranducato.it

sponsor & partecipazioni
 
       
       
   

 

 
 
  Site Map